Quanto consuma la nostra casa?

Risparmio energetico

Molti di noi si chiederanno quale sia l’elettrodomestico che incide di più su di una bolletta dell’energia elettrica. Si parla di apparecchiature in classe A, A+ etc.. Alla fin fine quanto consuma la nostra casa?

Qualcuno di voi ne ha un’idea? Siamo sicuri di sapere che cosa sta funzionando e quando?

Verso la fine del 2009 mi ero appena trasferito in un nuovo appartamento, molto carino, un bilocale. Nel primo mese mi ero posto il dubbio di quale cifra sarei andato a pagare per l’energia elettrica, dato che tutta l’abitazione era disseminata di faretti alogeni sia a 12V che a 220V ma su molti dei quali non era più leggibile la scritta dei Watt assorbiti. In particolare nel soggiorno, stanza sempre un po’ in penombra, era dotato di due stupende lampade alogene a muro, molto luminose, forse un po’ troppo…

Temendo di ricevere una bolletta stratosferica mi ero posto il problema di quanto potesse consumare l’appartamento… Anche io, come il proprietario, amavo la luce… ma quanto mi sarebbe costata?

“Googlando” come consueto sono andato alla ricerca di vari prodotti in grado svelare il mio dubbio.

Sono incappato nell’Efergy E2, piccolino, dal design essenziale, carino e di colore neutro. Consultando il sito del produttore, leggendone le caratteristiche mi son deciso ad acquistarlo (circa 55€). Fortunatamente era distribuito da una catena informatica presente nella mia città.

L’installazione dell’apparato è stata semplicissima. La pinza amperometrica completa di trasmettitore WiFi, alimentata a batterie stilo, son riuscito a inserirla nella stessa scatola contenente i vari interruttori atti a sezionare l’impianto elettrico.

Il ricevitore, anch’esso alimentato con delle stilo, l’ho appoggiato sul mobiletto. È stato sufficiente impostare la data e ora ed effettuato il “pairing” col trasmettitore.

Bene nel giro di 10 minuti d’orologio avevo dinanzi ai miei occhi la lettura istantanea di quanto stesse consumando l’appartamento.

Efergy E2

Efergy E2 - Electricity Energy Monitors

È stata tutta una scoperta nei primi giorni di utilizzo, ti rendi conto che anche a casa apparentemente spenta ci scordiamo di alcuni apparati elettrici che ci sono ed ignoriamo come:

  • il frigorifero ed frezeer
  • la pompa di circolo della caldaia
  • l’innocuo stand-by di tv, dvd, decoder, lavastoviglie, stereo

Bene provando a spegnere l’interruttore della ciabatta a monte di tv, dvd, decoder e stereo si ha un risparmio di circa 50W, che anche in nostra assenza sono sempre consumati senza beneficio alcuno!

La pompa di circolo della caldaia a gas? Dai 150W ai 200W.

Il frigorifero quando si accende per garantire le temperature dai noi impostate? Dai 100W ai 200W

Lo stand-by della lavatrice quando ha finito i lavaggi (spia accesa) 10 – 15W

Bene per tornare al dubbio iniziale dei faretti alogeni ecco un breve riepilogo:

 

Stanza n° faretti Potenza
Totale
Camera da letto 1 150 W 150 W 220V
Bagno – lampada principale 2 75 W 150 W 220V
Bagno – specchio 2 50 W 100 W 12V
Corridoio 1 150 W 150 W 220V
Cucinotto 2 75 W 150 W 220V
Soggiorno 2 250 W 500 W 220V
TOTALE 1200 W

Il totale ottenuto è come vedete di ben 1.200W, avevo ben ragione di preoccuparmi!

E voi? Quanto consumate?

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.